LOGIN:    
<<<
|  Menu  |  Tag
Live  |
Eventi  |
AgorÓ  |
Visitatori
Presentation  |  About us  |  Documents  |  Credits
ArsMeteo
OPERA   |  N.Autori: 15  |  N.Opere: 21  |  N.Tag: 4
<<< ArtMob progetto A. no.Vi. - intervento di Gianni Colombo  [ArtMob]  dell' Ottobre 2013 >>>
progetto A. no.Vi.

ArtMob
progetto A. no.Vi.

Chiesetta di campagna Località VASIPUDDI, Mesagne (BR)
mercoledì 9 ottobre 2013 ore 12.00



ArtMob come invenzione di genere artistico prevede l'intervento in un luogo della terra soggetto a pauperizzazione culturale e ambientale.  Si propone il compito di fermare l'attenzione di soggetti sensibili alle tematiche riflessive sulla terra e su contenuti di alterità alle logiche di profitto e ingordigia materica, per il bene comune condiviso nella fruizione della bellezza e del benessere spirituale. Per antonomasia è contro qualsiasi forma di violenza. Antesignano del genere è stato l'intervento alla centrale Federico II in località Cerano a Tuturano (BR) al quale ha fatto seguito, nel territorio del Salento, l'azione sulla statale SS16 Maglie-Otranto contro la strage degli Ulivi secolari in sostegno a tutto l'impegno delle associazioni ambientaliste.

Questo terzo intervento, in opposizione allo strapotere di logiche estremamente violente sul territorio, si svolge in un luogo un tempo meta di ludica rilassatezza nello splendore paesaggistico della campagna. La chiesetta di Vasipuddi si trova ora completamente circondata dalla speculazione sul fotovoltaico che ha reso il luogo una visione desertica e desolante.

L'acronimo A.no.Vi., Arte no Violenza, viene impresso su maglie simboliche che riportano concetti di 'non anelamento' a situazioni generatrici di conflitto.
I concetti eliminano simbolicamente le cause, mentre le immagini delle opere suggeriscono la possibilità creativa.
Quattro artisti, che potrebbero essere chiunque, indossano queste maglie ed escono sul sagrato della chiesetta dopo un'ipotetica preghiera; a terra viene steso un simbolico sudario ed essi manifestano, con assunzione di responsabilità, i possibili intenti alla ricerca di una disciplina interiore. In seguito essi cadono e i corpi si accatastano l'uno sull'altro in una morte simbolica determinata dal violento impatto del luogo in cui si trovano.

Violentare la terra è violentare l'umano, e la morte di una significa la morte dell'altro. L'azione s'inscrive in un progetto di largo respiro iniziato nella sua dialettica al Centro Studi Sereno Regis di Torino - Ricerca, educazione, azione per la pace, l'ambiente e la sostenibilità che s'interroga sul rapporto Arte e Nonviolenza, Arte come scopo, Arte come orizzonte di senso in un tempo aleatorio nel quale si decide un possibile futuro nel segno della condivisione e possibilmente di qualsiasi forma d'Amore e di Pace.


 approfondimenti...