LOGIN:    
<<<
|  Menu  |  Tag
Live  |
Eventi  |
AgorÓ  |
Visitatori
Presentation  |  About us  |  Documents  |  Credits
ArsMeteo
OPERA   |  N.Autori: 90  |  N.Opere: 296  |  N.Tag: 17
<<< Il silenzio della parola - documento di Francesco Pasca del Novembre 2008 >>>

Lettera aperta semi-seria ai poeti di Intergruppo di Ignazio Apolloni

www.poesianet.it/materiali.htm

di Arturo Lini



FRANCESCO PASCA
Il silenzio della parola

 

Carissimo, perdona la mia franchezza sull'argomento (un po' di autocritica [non la tua naturalmente] non guasterebbe). In questo periodo la Singlossia ne ha bisogno. Il resto è tutto indiscutibile e i protagonisti rimangono dei seri professionisti. La lista è lunga e mi accompagna sin dalla prima mostra della Singlossia che si è tenuta a Brescia alla fine degli anni settanta.
Inseguo la Singlossia, cioè insegno Storia dell’Arte, da quaranta anni. Gli ultimi venticinque (non è un numero a caso) accompagnati da elaborazione, oggi “riflessione”. Mi servo, sempre, del mio abbecedario, quello dei semplici, descritto azzurrino nella scorza e smarrito, non da me, in un ripostiglio. In questo breve tragitto mi sono imbattuto in Artisti, due a caso, Giotto e Simone Martini, che seppero essere Singlossici, a loro insaputa nel termine, ma “sufficientemente” consapevoli nei significati. Simone in particolare, accompagnò la “Parola” dell’angelo con il silenzio irreale del fondo oro, quello dello splendido dipinto su tavola dell’Annunciazione.

Quella “Parola-Suono”, sebbene pronunciata nel vuoto provocato da quell’oro, fu molto simile a quella sottratta, poi, nella seconda metà del XVII secolo, dalla macchina pneumatica di von Guericke e, non ne impedì, contro ogni legge fisica, di raggiungere la sensibilità della Vergine. Non credo, conoscendo da tempo i tuoi lavori, che non ti sia accorto di questo e, di quant’altro, di contro, sia contenuto nella Singlossia trita e ritrita degli ultimi venticinque anni. Parlarti della mia Singlossia è tornare ad un rimando di un’altrettanta testimonianza Verbo-Visiva, rivissuta nello stesso “silenzio”.

In questo momento è sempre la Storia dell’Arte, ripescata dal mio (a)(b)be(c)e(d)ario, a ricordarmi il dipinto del David. La storia di Roma monarchica, durante il regno di Tullio Ostilio, dove i tre fratelli Orazi, romani, disputano un duello con i Quriazi, albani. Dunque, oggi, questa fase della Singlossia è chiamata da me, guarda caso, “Operazione Albalonga”. Risultato. Non prevede vittime ma solo opportunità. Pertanto, ti ringrazio per l’attenzione. La “sindrome dei Quriazi” è appena cominciata. Ti allego uno spunto, uno dei tanti, singlossico dettato dal diacronico-idosemantico-fonosemantico la cui storia è stata iniziata e mai percorsa. Almeno dagli addetti ai lavori che dicono di averla iniziata confondendola con la Poesia Visiva, quella degli anni '60 e '70. (mi prenderò molti rimproveri per questa birbonata, ma a sessantadue anni me lo posso permettere. Rimarrò comunque Poiesi[es]) :'(

Prendiamo ad esempio il leet. E' forma codificata caratterizzata dall'uso di caratteri non alfabetici tradizionali al posto delle normali lettere. Ha origine da "élite" ed il linguaggio è basato sulle scelte per semplice somiglianza o per piccoli cambi fonetici. E’ vero non dico niente di nuovo, ma almeno cerco di svecchiare chi crede di fare la Singlossia pensando al 1980. Poi, ho ancora da dire che sto provando a fare della Singlossia narrata. Ma questa è un’altra cosa. Sono sicuro che quanto prima il copia incolla farà molta strada. Così come, usare nuove alfabetizzazioni o grafemi… non è fare Singlossia, ma come per ogni altro linguaggio…non rimane che la "scelta" del suo utilizzo.
Per quanto mi riguarda, Umberto Eco e Rossana Apicella, già nei lontani anni ’80 ne avevano individuato i modi di utilizzo per un linguaggio di questo tipo; basta “sfogliare” i testi che in quel periodo furono scritti e che tuttora altri sono scritti da U. Eco sulla numerologia, per confermare l’ulteriore eredità di quella Singlossia.
Scrivere X al posto di Per ed allo stesso modo scrivere Per a posto della X . Resta famosa la scrittura di "Nino Bixio" in "Nino Bperio".
D'altronde, io mi sono servito della Parola Alber(t)o per confondere-fondere sia graficamente sia foneticamente il significato di Nome e di Albero. Così come aver individuato l’opportunità dell’utilizzo della numerologia per ottenere della Singlossia utilizzando 25 numeri ed altrettante lettere. Non ultimo il link temporale della parola Massacro, individuando [((mas[s)a)cro]] e facendolo corrispondere in maniera Singlossica (è sufficiente linkare, se ne creiamo un percorso ipertestuale, per ottenere il risultato desiderato). La singlossia si può fare anche con la musica e con la conversazione, con il teatro e con il cinema. La critica d'arte Carmen De Stasio ha dato dimostrazione di come la singlossia si può ottenere con la semplice associazione di un testo parlato a quello di uno spartito musicale:
Per tornare al leet: L’alfabeto utilizzato è il seguente:

A: 4, /\, @, /-\, ^, ä, ª, aye, ?, Fl, O
B: 8, 6, 13, |3, ß, P>, |:, !3, (3, /3,)3
C: [, ¢, <, (, ©
D: |), o|, [), I>, |>, ?, T)
E: 3, &, £, ë, [-, €, ê, |=-
F: 4, |=, ƒ, |#, i=, ph, /=
G: 6, &, (_+, 9, C-, gee, (?,
H: 4, #, /-/, [-], ]-[, )-(, (-), :-:, |~| {=}, <~>, |-|, ]~[, }{, ]-[, ?, }-{
I: 1, !, |, &, eye, 3y3, ï, ][, []
J: _|, ;, _/, </, (/
K: X, |<, |{, ]{, }<, |(
L: 1, £, 7, 1_, |, |_, #, l, i, \_
M: M, m, //., |v|, [V], {V}, |\/|, /\/\, (u), []V[], (V), (\/), /|\, ?, ?, ?, /V\
N: //, ^/, |\|, |/|, /\/, [\], , <\>, {\}, []\[], ?, n, /V, ?
O: 0, (), ?p, [], *, ö
P: |^, |*, |o, |º, |^(o), |>, |", 9, []D, |°, |7
Q: [,], (_,), ()_, 0_, <|
R: |2, P\, |?, /2,|^, lz, ®, [z, 12, ?, 2
S: 5, 2, $, z, §, ehs, es
T: 7, +, -|-, 1, '][', †
U: (_), |_|,|.|, v, ü Ü
V: \/, \_/, \./
W: \/\/, vv, '//, \^/, (n), \V/, \//, \X/, \|/, \_|_/, \_:_/, \x/, I_l_I, ?
X: ><, ?, }{, )(
Y: '-/, j, `/, \|, Ý, ÿ, ý, Y, y, Ÿ, ?, ?, ?, f, ?, ?, ?, ?, ? ,?, -), ?
Z: 2, ~\_, ~/_,7_ %

Questo alfabeto è quanto di più spontaneo e corrispondente sia nel campo del cosiddetto “rispecchiamento” e, naturalmente, ha anche delle regole grammaticali.
La chat è il linguaggio singlossico semplice per eccellenza dove il leet o il gergo può essere utilizzato per velocizzare il messaggio o renderlo elitario. Ne sono esempi:

1 rUL3 7h1z w0rLd (I rule this world, ovvero Io domino questo mondo o Qui comando io)
c1a0 (ciao) oppure " Il tsto è mlto in3snte ma mnca la psblità di compltare..." per assonanza.

A questo si aggiunge:
Le emoticon (chiamate anche smilies, come :-) ; in italiano si usa il termine "faccine")

°-° normale, è anche usata come emoticon universale
:-) oppure :) sorriso o tono scherzoso/amichevole
:-( oppure :(, è broncio, tristezza
:'( piangere
:-S :-| imbarazzo, o disagio infastidito, o stupore
:-D riso
;-) ammiccante o occhiolino
:-))) forte sorriso o tono molto amichevole
X°D oppure xD o XD risata oppure sfacciataggine
:-p linguaccia o "oops"
:-O oppure :O stupore ("a bocca aperta")
:-S confuso, imbarazzato
:| di stucco di una parola senza senso (anche con la L minuscola si può fare)
8-) stupore partecipato
=_= noia, ma anche bramosia
^_^ sorriso
-_- oppure -.- o anche -o- noia o sarcasmo
.-. oppure ._. o anche :| sconvolgimento
e O_O oppure O.O, stupore, shock

o_O oppure O_o oppure o.O oppure O.o, confusione, diffidenza
ç_ç o :'( o T_T o Y_Y pianto
'>_<,è.é fastidio, seccatura
XQ_ cupidigia
U_U,u.u superiorità
<_< sguardo stranito (ma anche >_>)
*_* o ** o *___* commozione o ammirazione
:* o anche :-* o anche :-x bacio
\o/ ballare
@_@ confusione
§_§ stordimento
x_x oppure ò_ò, nervosismo
-.-" oppure -_-oppure -_-" non sorpresa
:Q___ oppure =Q___ oppure *ç* oppure *Q* sbavare
=3 oppure :-3 oppure x3 tenerezza
^^ contentezza
:-@ arrabbiato
@>-- rosa
ù_ù Sentire di aver ragione
?_? Confusione
OwO Grande sorpresa
°° Stupore (in positivo ma per lo più in negativo)
*w* Meraviglia / Stupore, sempre in senso positivo.
T.T Pianto a dirotto
#_# Morto
^_^.I. Ghigno
@:-) Pensiero Stupendo

Dimenticavo di aggiungere: Essere ironici è indispensabile per ottenere della Singlossia e presuppone che l’ironia sia compresa, altrimenti si rischia la Permalosità.
!
 approfondimenti... 
Tag
Per intervenire sui tag Ŕ necessario identificarsi.
Se desiderate un identificativo o lo avete dimenticato,
potete contattare mail@arsmeteo.org

Opera inserita il1 Maggio 2009 • vista809 volte • con6 interventi (l'ultimo il 4 Maggio 2009)

opere correlate:
<<< >>>